Nei giorni 28-30/09/2016 la dott.ssa Patrizia Tortella del Centro di Ricerca sullo Sviluppo Motorio nell’infanzia dell’Università di Verona ha presentato il lavoro Effects of playground activities on development of motor skills in 5 years old children. Il lavoro presentato ha ottenuto un importante riconoscimento internazionale.

belfast-2

Si tratta dei risultati di uno studio che avvalora il MODELLO DI ATTIVITA’ REALIZZATO PRESSO IL PARCO GIOCHI PRIMO SPORT 0246 DI TREVISO come efficace per lo sviluppo delle competenze motorie dei bambini. I bambini che frequentano il parco giochi e seguono il progetto inclusivo di attività strutturata e gioco libero migliorano in maniera significativa le competenze motorie di base, mentre quelli che non vengono al parco e praticano le normali attività scolastiche e pomeridiane non migliorano. Il Centro di Ricerca ha dimostrato anche lo sviluppo di funzioni esecutive nei bimbi che seguono il programma e che il solo gioco libero non è sufficiente a promuovere risultati di sviluppo di competenze motorie. Questo sarà oggetto di prossima pubblicazione scientifica.

Le modalità di implementazione di attività fisica e di ricerca dei prof. Fumagalli e Tortella sono altamente raccomandate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel piano strategico 2016-2015. L’organismo internazionale raccomanda infatti attività motorie evidence based, che diano possibilità a docenti e ricercatori di comprendere se quanto si fa con i bambini serva veramente a raggiungere l’obiettivo di incremento di attività fisica e sviluppo di competenze motorie.

Il parco giochi Primo Sport 0246 è il primo parco giochi al mondo in grado di realizzare un modello di lavoro evidence based che può assicurare a ciascun bambino frequentante il parco lo sviluppo di capacità motorie di base.

Gli obiettivi del Centro di Ricerca sono proprio relativi allo sviluppo di competenze motorie e cognitive dei bambini in età prescolare, secondo le nuove linee strategiche sulla pratica dell’attività fisica di WHO European Region 2016-2015.

Le principali linee di sviluppo riguardano la promozione di attività fisica per tutti e per ciascuno e la riduzione delle disuguaglianze sociali;

Creare opportunità di attività fisica creando opportunità ambientali, che permettano a ciascun bambino/a di incrementare le proprie competenze motorie, cognitive, sociali, emozionali.;

Utilizzare strategie evidence based per la promozione dell’attività fisica e per monitorarne implementazione e impatto.

Per promuovere le conoscenze rispetto allo sviluppo motorio e alla pratica dell’attività fisica nell’infanzia 0-6 il Centro di Ricerca sullo Sviluppo Motorio dell’Università di Verona anche quest’anno attiva il master universitario di 1 livello in “Infanzia e movimento: lo sviluppo da 0 a 6 anni” e il corso di perfezionamento universitario in “Corpo e movimento: attività motoria per l’infanzia 0-6 anni”. Sono relatori, insieme a rinomati ricercatori italiani scienziati stranieri, noti esperti nel settore, che provengono da USA, Germania, Spagna, Norvegia, Finlandia, Grecia, per presentare le diverse realtà culturali e proporre nuovi stimoli di lavoro.

Per informazioni tel. alla dott.ssa Patrizia Tortella 3474410497 e-mail patrizia.tortella@gmail.com

Si segnalano i siti:

www.infanziaemovimento.it

www.0246.it

 

poster_belfast

 

belfast-1

belfast-3