Studi recenti mettono in evidenza che nel bambino in fase di sviluppo, nei primi anni di vita, la capacità di riconoscere un pericolo è bambina-gattonafortemente correlato con lo sviluppo delle competenze motorie.  Un bambino abile gattonatore davanti ad un buco si ferma e torna indietro, mentre un principiante gattonatore vi cade dentro.  Lo stesso comportamento si ripete quando lo stesso bambino impara a camminare: esposto alla medesima situazione, se è principiante cade nel buco mentre se è diventato abile camminatore lo evita.  Quindi la capacità di evitare un pericolo da parte di un bimbo di 0-6 anni è più dipendente dalla padronanza del movimento che da un’astrazione teorica di pericolo. Queste ricerche dell’Università di New York invitano i genitori da un lato a stare attenti e vigilare sul proprio figlio quando non ha sviluppate le competenze motorie, dall’altro ad aumentare quanto più possibile le possibilità di nuove esperienze motorie da parte del propri figli. È da notare che quando i bambini sono in età scolare (dai 6 anni in su) diventa sempre più importante la componente cognitivo-affettiva. Nella fascia d’età tra 6 e 11 anni l’osservazione di incidenti (diretta o attraverso foto) è già sufficiente per riconoscere le condizioni di pericolo ed evitarle. Questa capacità evolve con l’aumentare dell’età.

 Per saperne di più

[checklist]

  • puoi trovare quest’articolo scaricando il libro  “Primo Sport (pagina 62)
  • Leggi altri articoli cliccando sul pulsante nella pagina mission “attività motoria

[/checklist]