Il diabete è una malattia caratterizzata da concentrazioni di zucchero nel sangue superiori alla norma. Esistono due tipi di diabete. Il diabete di tipo 1 è dovuto alla mancata produzione dell’insulina, l’ormone che controlla la glicemia. La causa di questo difetto è una reazione autoimmunitaria che distrugge le cellule del pancreas che producono l’insulina. L’insulina è l’ormone prodotto dal pancreas che fa entrare lo zucchero dentro le cellule e quindi riduce la glicemia (il termine significa: concentrazione dello zucchero nel sangue). Il diabete di tipo 1 insorge in soggetti predisposti ed è più comune nell’infanzia.

Il diabete di tipo 2 è invece caratterizzato dal fatto che l’insulina, pur essendo presente, non funziona adeguatamente. Il diabete di tipo 2 è più comune del diabete di tipo 1 e compare in età avanzata, classicamente intorno ai 40-50 anni. Fino a qualche anno fa non si parlava di tipo 2 per i bambini ma ora le cose cambiano. Sempre maggiore è il numero di adolescenti a cui viene diagnosticato diabete di tipo 2; soprattutto quello che colpisce è che la probabilità di sviluppare diabete in età adulta a causa dei comportamenti alimentari scorretti e della sedentarietà sta salendo in modo vertiginoso. Vi è infatti una stretta correlazione tra obesità e sviluppo del diabete. Nelle bambine l’obesità si associa anche a sviluppo puberale precoce e ad altre alterazioni endocrine tra cui l’aumento dei livelli di ormoni mascolinizzanti.

Per sapere però i modi più corretti per crescere il proprio bimbo scarica gratuitamente il libro Primo Sport, troverai questo argomento a pagina 26 e 27.