L’abbigliamento permette al bambino di muoversi o ne rende difficili i movimenti. Esso è quindi funzione di cosa il bambino fa e quindi, anche mani-nella-sabbiadella sua età. Per esempio, al bambino che striscia o gattona le scarpe non servono: egli ha bisogno dei piedini nudi per fare presa sul materassino al fine di muoversi.  Quindi, per un bambino entro l’anno di vita, l’abbigliamento ottimale consiste in una maglietta, un pannolone, e braccia e gambe nude, in modo da poter fare presa sul tappetino, preferibilmente in finta pelle, e poter strisciare indietro inizialmente e poi in avanti (naturalmente tutto questo implica una temperatura adeguata non solo della stanza ma anche del pavimento). Il bambino che si muove con andatura carponi, appoggiandosi sulle ginocchia, è invece più a suo agio con un paio di pantaloni morbidi, meglio se con le ginocchia imbottite. Infine il bambino che cammina e corre all’aperto su diverse superfici sta bene con un paio di scarpe e con un abbigliamento morbido.

 

Per saperne di piu, puoi trovare questo articolo sulla pagina 56 del libro “Primo Sport” scaricabile gratuitamente qui.