Cresce il diabete di tipo 2 tra i bambini e i ragazzi a causa di sovrappeso e obesità. Attività fisica e corretta alimentazione aiutano. I consigli della Clinica Pediatrica dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano

Niente farmaci per contrastare i casi crescenti di diabete tra i bambini. «L’attività sportiva – dice Andrea Scaramuzza, responsabile del Servizio di diabetologia, malattie del metabolismo e nutrizione della Clinica Pediatrica dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano – determina un miglioramento della sensibilità insulinica e riduce colesterolo e trigliceridi».

Un regime alimentare equilibrato e una regolare attività fisica rapportata all’età si confermano armi vincenti per i giovanissimi affetti da diabete: aiuta il controllo del tipo 1 e previene l’insorgenza del tipo 2. Quale sport? Ad ogni età il suo esercizio fisico, specifica Andrea Scaramuzza. Tra i 3 e i 5 anni solo attività ludiche (correre, giocare, saltare e fare capriole).

I benefici di una attività sportiva si apprezzeranno soprattutto in età adulta con un miglior controllo delle patologie correlate al diabete, fra queste le retinopatie e i disturbi renali di cui recenti statistiche attestano una riduzione del 35%. Senza contare che lo sport migliora l’autostima insegnando ad accettare la malattia con tutto ciò che essa comporta (momenti di debolezza fisica, terapia insulinica e controlli costanti della glicemia) anche davanti ai compagni.

http://www.fondazioneveronesi.it/la-tua-salute/alimentazione-attivita-fisica/e-lo-sport-la-prima-arma-per-i-giovani-diabetici/3465