L’aspetto principale é quello di riuscire a mettersi dal “punto di vista” del bambino, per riuscire a capire cosa per lui potrebbe essere positivo o negativo. Ci bambini-corrono-sulla-collina-cortaaccorgeremmo, innanzitutto, che se un bambino di pochi mesi non ha mai modo di essere messo a terra in posizione prona (a pancia in giù) non riuscirà a sperimentare la forza di gravità in quella posizione, avrà meno occasione di sollevare il collo, (attività che serve a sviluppare la muscolatura del tronco), non avrà l’opportunità di provare a muoversi nello spazio strisciando prima e gattonando poi. Benché non esistano dati che dimostrino che strisciare e gattonare siano tappe irrinunciabili per lo sviluppo del bambino, i recenti studi condotti dalla professoressa Adolf dell’Università di New York indicano come lo sviluppo delle diverse competenze motorie del bambino siano fondamentali perché diventi capace di gestire situazioni rischiose.

 

Per saperne di più puoi trovare questo articolo sulla pagina 58 del libro “Primo Sport” scaricabile gratuitamente qui.