L’imprevedibilità dei bambini quando scorrazzano felici ed esagitati è tale che qualcuno di loro, mentre voi state leggendo questa pagina, è già salito sopra alla scala orizzontale ed è pronto per lanciarsi in volo!

Immagine art 14 10 2013

Prima di farci prendere dall’ansia, ricordiamoci però che l’attività motoria è un’ottima opportunità “di sfogo” soprattutto per i bambini che faticano a stare fermi. È importante indirizzare le loro energie nel movimento e nel prestare attenzione a ciò che fanno. Si può agire efficacemente anche quando i bambini sono al massimo dell’agitazione (pronti quindi a mettersi nei guai!) seguendoli e richiedendo loro qualcosa di particolare, non solito, a cui debbano prestare attenzione.

Ad esempio, il vostro bambino si arrampica sulla scaletta che porta alla scala orizzontale; quando arriva in cima vi vorrà mostrare quanto è bravo a fare un bel salto invece che cimentarsi sulla scala orizzontale per rinforzare le braccia. Data l’altezza, voi preferite che non faccia troppi salti per il rischio di slogarsi una caviglia. Invece di proibirgli di usare l’attrezzo, chiedetegli di provare ad aggrapparsi alla scala orizzontale dicendogli ad esempio che l’uomo ragno (personaggio conosciuto e apprezzato dai bambini, anche stranieri) quando era piccolo si esercitava su un gioco simile e adesso si arrampica dovunque. Il piccolo rimane in genere molto affascinato da questa cosa e prova a fare quanto gli abbiamo chiesto, ma con molta attenzione, poiché gli abbiamo creato una rappresentazione mentale, seppure generica, della situazione che conosce poco. Quando ha provato ad appendersi, anche se rimane pochi secondi e si stacca è importante fargli molti complimenti, anche perché, al di là del risultato motorio ha eseguito qualcosa al di fuori dei propri schemi. In questo modo andiamo a sollecitare anche il processo cognitivo dell’attenzione.

Le ricerche hanno dimostrato l’efficacia di questa modalità per indurre comportamenti di apprendimento.

http://www.0246.it/laboratorio0246/le-pubblicazioni-scientifiche-di-laboratorio/