Laboratorio 0246, nell’ambito del primo corso nazionale per formatori della scuola dell’infanzia svoltosi a Roma e organizzato da MSP Italia, ente di promozione nazionale riconosciuto dal CONI, ha – con la collaborazione del Centro di Ricerca dell’Università di Verona – svolto la parte didattica e predisposto i contenuti del corso, i materiali formativi e definito l’attività che i formatori dovranno svolgere presso le regioni di appartenenza nei prossimi mesi.

Al corso hanno partecipato, ad eccezione di Trentino Alto Adige e Liguria, 17 qualificati docenti di attività motoria.

Il gruppo dei coordinatori nazionali si è radunato a Roma nel bellissimo centro del CONI dell’Acqua Acetosa per una tre giorni di full immersion con i Prof. Guido Fumagalli e Patrizia Tortella del Centro di Ricerca sullo Sviluppo motorio nell’Infanzia 0-6 dell’Università di Verona; i tre giorni hanno consentito di identificare e mettere a fuoco i problemi che rendono l’attività motoria di fatto assente nei curricula scolastici della scuola dell’infanzia; ma si è soprattutto discusso su come cambiare questa situazione di arretratezza tipicamente italiana rifacendosi soprattutto alla più che positiva sperimentazione che Laboratorio e il centro di Ricerca hanno effettuato con le Scuole del Trevigiano.

I coordinatori selezioneranno un numero limitato di scuole dell’infanzia della loro regione per sperimentare con loro gli aspetti organizzativi e pratici di questo progetto, che mira a rendere l’attività motoria uno strumento immancabile ed irrinunciabile per le scuole che abbiano a cura lo sviluppo dei bambini.

Gli insegnanti delle scuole dell’infanzia individuati parteciperanno ad un percorso di  Ricerca-Azione-Formazione che consiste nella realizzazione con i bambini/e della propria scuola dell’infanzia di cinque incontri di attività motoria seguendo la traccia esposta nel manuale; per far questo gli insegnanti parteciperanno a tre incontri formativi, alcuni dei quali in collegamento Skype con il Centro di Ricerca Sullo Sviluppo Motorio nell’infanzia dell’Università di Verona; a conclusione del progetto e delle attività con i bambini gli insegnanti predisporranno e presenteranno un power point illustrante le attività realizzate a scuola all’interno del progetto. Saranno gli stessi insegnanti a evidenziare i punti di forza e gli aspetti critici del percorso per loro preparato e a produrre, al termine delle attività, libretti (uno per regione) illustranti quanto realizzato nei diversi contesti.

Preceduto da tre anni di sperimentazione con le scuole del Trevigiano e della Lombardia, il progetto rappresenta la prima iniziativa del suo genere in ambito nazionale che differisce da precedenti iniziative ministeriali, in quanto consiste fondamentalmente in un’azione di formazione degli insegnanti che ha lo scopo di aiutarli a inserire in modo programmato e scientificamente corretto forme di attività motoria all’interno della propria programmazione didattica.

Il corso/percorso formativo è altamente innovativo rispetto alle attività motorie in età prescolare, poiché gli scopi e le metodologie utilizzate si basano sulle evidenze prodotte dalla ricerca scientifica recenti e messe a punto dai Prof. Fumagalli e Tortella, grazie alla collaborazione e alle idee elaborate con gruppi di ricerca internazionali all’avanguardia nel settore.

È il primo tentativo di aprire le conoscenze attuali nel settore dell’attività motoria nell’infanzia in un quadro culturale innovativo e internazionale.

Patrizia Tortella

Info: patrizia.tortella@gmail.com

Tel. 3474410497

progetto nazionale 2