Nella capitale vendite di due ruote in grande aumento a settembre 2013. Buon segno, ma la strada da fare per raggiungere gli standard tedeschi e olandesi è ancora tanta.

E’ iniziata la rincorsa di Roma ai fuggitivi? Forse è presto per dirlo, ma all’ombra del Colosseo l’impennata delle vendita delle biciclette fa ben sperare in una Roma meno sedentaria e più ‘movimentata’. Settembre 2013 è stato infatti considerato il mese delle bici da Confcommercio di Roma: la vendita delle due ruote nella Capitale infatti è aumentata del 10% solo nell’ultimo mese di settembre e del 15% rispetto all’intero 2012.

Certo dobbiamo ancora pedalare tanto per raggiungere i risultati dei Tedeschi o degli Olandesi, ma stiamo certamente migliorando. Le più vendute a Roma sono le mountain bike, adatte alle salite e alle discese dei colli romani e alle dissestate strade piene di buche. Seguono le classiche bici da uomo e da donna; meno vendute sono le bici da corsa, basse anche le vendite delle bici elettriche, forse perché ancora troppo costose.

A Roma, stando ai dati di BiciRoma (www.biciroma.it) le piste ciclabili coprono circa 120 km su asfalto e 110 nei sentieri nel verde, numero molto basso in confronto a Parigi (550) e Berlino (1.000). Il Piano quadro della ciclabilità approvato dal Comune prevede un incremento di 1.000 chilometri di piste entro il 2020, in progetto ci sono due nuove piste ciclabili, ma i lavori non iniziano prima del 2014.