Le attività motorie sono importanti a tutte le età!

Uno studio condotto nel Regno Unito ha messo in relazione le
capacità motorie possedute nel primo anno di vita con quelle
presenti a 14 anni negli stessi individui. Ne è risultato che i
bambini che hanno iniziato ad alzarsi in piedi e a camminare
precocemente, prima dell’anno di vita, a 14 anni erano in possesso di maggiori competenze motorie, avevano la tendenza a muoversi molto di più, a partecipare ad un maggior numero di attività sportive, anche scolastiche, e ottenevano risultati sportivi migliori.
L’aspetto importantissimo è che questa relazione si realizzava
indipendentemente dal peso del ragazzo a 14 anni di età!
Vi è dunque una grande relazione proprio tra il possesso di
competenze motorie in tenerissima età e la quantità di attività fisica
e lo stile di vita che caratterizzeranno il futuro uomo e la futura donna. In linea con questi studi sono le osservazioni citate in altra parte del libro effettuate da Sigmundsson e Hopkins su bambini di pochi mesi che avevano seguito un programma di attività motoria in acqua. Gli stessi bambini all’età di 5 anni, indipendentemente dalle attività praticate in seguito, evidenziavano maggiori competenze in alcuni movimenti rispetto ai compagni della stessa età che non erano stati esposti all’esperienza motoria precoce in acqua.
Quindi l’essere stimolati a muoversi e ad acquisire capacità motorie sin dalla più tenera età, consente non solo di essere più attivi ecapaci da piccoli ma anche di avere vantaggi per la propria vita da adulti.

[info] Per approfondire questo argomento, scarica gratuitamente il libro Primo Sport, troverai questo articolo a pagina 97.[/info]